Uno dei servizi più richiesti dalle aziende al momento di un incontro con l’agenzia commerciale è il Telemarketing. Per Telemarketing si intende l’attività di contatto telefonico da remoto di un numero limitato di potenziali clienti segmentati secondo criteri adeguati al tipo di prodotto/servizio venduto dall’azienda in questione.

L’agente/consulente dell’agenzia suddetta si trova però a dover spiegare quali sono le reali possibilità di riuscita dell’attività di Telemarketing, visto che esistono anche settori in cui tale strategia commerciale potrebbe anche non attecchire.

Per cominciare vediamo quali sono i costi dell’attività di Telemarketing e i conseguenti motivi che portano l’agente/consulente a consigliare/sconsigliare l’azienda nel dotarsi di tale servizio. Innanzitutto il Telemarketing prevede l’attività di contatto di un numero ideale di clienti potenziali che nel B2B varia dai 100 ai 200 al mese; questo perché si devono prendere in considerazione le seguenti ragioni:

  • l’agenzia mette a disposizione uno o due commerciali all’azienda e dunque il numero di contatti non può essere fisiologicamente più alto della quantità elencata in quanto si lavora 2/3 ore al giorno per la campagna in questione;
  • nel caso si vogliano raggiungere più clienti potenziali e dunque si voglia aumentare il numero dei contatti si dovrà anche aumentare il numero delle ore lavorate, ma questo di conseguenza farebbe lievitare i costi;
  • contattare molti più clienti del numero prospettato significherebbe o terminare nel giro di pochi mesi la base disponibile dei ricettori di chiamate o allargare l’attività ad una zona geografica più ampia con la conseguenza che nel primo caso l’azienda dovrebbe mettere a disposizione più agenti ( in quanto contattando un numero più alto di clienti al mese idealmente verranno prodotti più lead e dunque si dovranno fare più appuntamenti in un tempo compresso) e nel secondo quest’ultima dovrebbe essere disposta a trasferte che comporterebbero costi che ovviamente dovranno essere attentamente valutati;
  • lavorare più ore al giorno significa anche lavorare in diversi orari, ma in molti casi questo non significa aumentare la probabilità di trovare in azienda il referente che cerchiamo perché quest’ultimo è raggiungibile solo in determinati momenti e quindi l’attività massiva finisce per richiedere costi maggiori che finiscono per risultare inutili e dunque non produttivi.

Sussistendo i seguenti problemi molti potrebbe dedurre che esistono settori per cui il Telemarketing è adatto e altri per cui non lo è. La risposta è ovviamente sì, ma il numero dei business per cui è adatto è ampio e dunque quello che fa la differenza rendendo l’attività produttiva è valutare le diverse variabili e scegliere attentamente la strategia commerciale.