[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” overlay_color=”” video_preview_image=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”” padding_bottom=”” padding_left=”” padding_right=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

Il mercato dell’Internet of Things presenta oggigiorno una crescita esponenziale. Alcuni studi ci dicono che entro il 2020 i dispositivi IoT attivi saranno più di 50 miliardi: un dato del genere non lascia sicuramente indifferenti e in tale contesto trova spazio il rischio privacy.

Cosa faranno i dispositivi IoT?

Le funzioni saranno molteplici: potranno aiutarci nelle faccende domestiche, ci forniranno maggiore motivazione nello svolgere attività fisica, saranno fondamentali in ambito lavorativo.

La domanda che ci si pone oggi, in previsione del 2020, è: questi dispositivi metteranno in pericolo la nostra privacy?

È evidente che i sensori saranno inseriti in qualsiasi dispositivo e oggetto (si spazierà da oggetti concernenti la cura del corpo, smartphone, smart devices, automobili, elettrodomestici) e ciò implicherà la raccolta di una grande quantità di dati.

Cosa faranno le aziende con questi dati?

Saranno gestiti dalle aziende o dagli utenti? A chi appartengono i dati? Agli utenti che li creano o a chi li gestisce? Chi gestirà l’enorme quantità di dati raccolti? Se effettivamente, come gli esperti prevedono, nel 2020 i dispositivi connessi saranno più di 50 miliardi, la quantità di dati sarà molto vasta e dal loro incrocio potranno emergere dei pericoli relativi alla sicurezza informatica.

Il General Data Protection Regulation in arrivo in Europa

In Europa, tuttavia, è in arrivo una novità positiva che permetterà di proteggere la privacy degli utenti. Nel maggio 2018 entrerà in vigore il GDPR (General Data Protection Regulation): grazie a tale regolamento ai cittadini europei sarà garantito un facile accesso alle informazioni sui loro dati e alle modalità di trattamento di questi ultimi; inoltre, il GDPR fornirà alle aziende un unico regolamento da adottare in tutti gli Stati membri dell’ Unione Europea. Esso è basato sul concetto di security by design: servizi e prodotti progettati tenendo conto della protezione e della sicurezza dei dati e introduce un approccio basato sul rischio, che permette di determinare quale sia la porzione di responsabilità del titolare del trattamento dei dati. 

I rischi di privacy connessi ai dispositivi IoT sicuramente ci sono, ma con l’arrivo del GDPR i cittadini europei saranno maggiormente tutelati.

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]